miscellanea

Cosa vedere a Roma?

Una città come Roma regala grandi emozioni e non a caso è chiamata “la città eterna”, ed è considerata tra le  capitali più visitate al mondo, come dimostrato dagli hotel alla stazione termini che registrano sempre il tutto esaurito.

Tra le principali attrazioni della capitale troviamo sicuramente la Galleria Borghese, che presenta al suo interno un grande numero di opere esposte ed è considerato uno dei principali musei di Roma e d’Italia.

Vediamo cosa troviamo nella Galleria Borghese

La Galleria Borghese si trova nel piazzale Scipione Borghese 5, all’interno di Villa Borghese e la sua fondazione risale al 1902, quando lo Stato Italiano acquisisce le opere che facevano parte del Fidecommiso Borghese, che venne fatto costituire nel XVII da Scipione Caffarelli Borghese.

La Galleria Borghese offre un grande numero di opere di alcuni dei più importanti artisti del panorama nazionale, qui infatti si possono trovare la maggior parte delle opere del Caravaggio e dipinti e sculture risalenti al periodo del rinascimento e del barocco italiano e straniero e sono presenti anche opere di antica manifattura come mosaici e bassirilevi risalenti al periodo che va dal XV al XVIII.

La Galleria Borghese si distingue soprattutto per la sua magnifica architettura, di elevata rappresentazione artistica.

All’interno della galleria si trovano dislocate diverse sale, 8 al primo piano e 12 al secondo, che hanno un importanza rilevanza storica e presentano al loro interno numerosi  capolavori.

Tra le principali attrazioni che i turisti possono trovare all’interno di quello, che è considerato al pari degli Uffizi di Firenze, il principale museo italiano, troviamo opere di Gian Lorenzo Bernini come la statua di “ Apollo e Dafne” e  “il Ratto di Proserpina” e opere come “Paolina Bonaparte” nell’incarnazione della “ Venere Vincitrice”, famosa scultura di Antonio Canova.

Tra le magnifiche opere presenti nel museo della Galleria Borghese troviamo quelle del maestro Raffaello in particolare: “Ritratto Virile” del 1504, “ il Ritratto di Dama con Liocorno”, che risale al 1506 e la “Deposizione Baglioni” del 1507 e sono presenti anche le opere di Tiziano come “l’Amor Sacro e Profano”, del Parmigianino con “ il Ritratto del Pianerlotto, Pinturicchio con il “Crocifisso tra i santi Girolamo e Cristoforo”.

La Galleria Borghese ospita anche opere di autori stranieri, che hanno lasciato in eredità al nostro paese, come ad esempio le pitture “Deposizioni nel sepolcro” del 1601 e “Susanna e i vecchioni” del 1607, nate dal pennello del pittore fiammingo Pieter Paul Rubens.