Fashion

Le borse firmate più celebri

Essere appassionate di borse firmate non vuol dire solo amare il lusso e lo shopping, ma anche ripercorrere gli ultimi decenni della nostra storia, conoscendo le proposte più curiose messe a disposizione dalle maison di tutto il mondo e, soprattutto, le loro più celebri acquirenti. Se gli esperti di sociologia hanno dedicato a queste borse studi, ricerche, statistiche e dati, insomma, un motivo ci sarà: e se è vero che c'è chi ritiene che la ragione del loro successo sia unicamente futto del caso, dall'altro lato non si può non fare riferimento alle ricerche di mercato che hanno contraddistinto il lavoro di tutte le case di moda. 

Tra le donne più famose al mondo che hanno contribuito a rendere una borsa firmata una vera e propria icona c'è senza dubbio Jane Birkin, attrice francese amata da tutti, per la quale Hermés ebbe modo di progettare e di creare una borsa ad hoc che, infatti, porta il suo nome ancora oggi. Una borsa a dir la verità piuttosto essenziale, con una forma duttile e disponibile in varie versioni, sia dal punto di vista dei colori che dal punto di vista dei pellami adoperati. Per averne una, oggi, c'è chi aspetta anche mesi e mesi: evidentemente, deve valerne la pena.

Un'altra delle borse firmate che è impossibile non conoscere è la Peekaboo, che ormai è diventata un personaggio famoso al pari delle cantanti e delle star di Hollywood che la usano. Si tratta di un accessorio fotografato sempre più di frequente al braccio delle vip e delle stelle del jet set mondiale, che ha contribuito a migliorare la reputazione – già eccellente – di Fendi. La maison italiana, per altro, pochi anni fa ha deciso di affidare una sua reinterpretazione a una decina di beniamine della moda, tra le quali la top model Cara Delevingne, l'architetto Zaha Hadid e la cantante Adele.

Oggi, quindi, possiamo conoscere e riconoscere la Peekaboo perché l'abbiamo visto usata, tra l'altro, dall'attrice Gwyneth Paltrow, che ha optato per una versione elegante e lattiginosa, o da Jerry Hall, che invece ha optato per una stampa cocco ideale per l'effetto di contrasto con il rosso fuoco delle finiture. Le borse di lusso, insomma, si prestano alle varianti più diverse, e permettono anche di fare del bene: il progetto di Fendi relativo a Peekaboo, per esempio, è stato intrapreso per celebrare l'apertura a Londra di un nuovo flagship store del marchio romano e, nell'occasione, soprattutto per raccogliere fondi a sostegno di Kids Company.