Viaggi e Tempo Libero

Un viaggio a Roma? Ecco come fare la valigia

Preparare la valigia – che sia un viaggio di lavoro o per turismo – è sempre un’impresa perché si rischia di mettere troppe cose oppure niente. Ma avete mai pensato che fare la valigia dipende anche molto dal luogo di destinazione del viaggio? Andare in Africa richiede cose diverse che andare in Islanda, ma anche Milano è diversa da Roma. E allora vediamo cosa è opportuno mettere in valigia quando la destinazione è proprio Roma, sapendo che comunque vada gli alberghi a Roma offrono il massimo del confort e dell’accoglienza.

La valigia perfetta per una destinazione perfetta: un viaggio a Roma

La regola d’oro di un viaggiatore è “viaggiare leggeri” mettendo solo le cose indispensabili, lasciando lo spazio ai souvenir, e accantonando le preoccupazioni anche materiali; la premessa è «meno oggetti porto e meno cose rischio di perdere, meno pensieri ho e più mi godo la vacanza»… ma anche il lavoro per chi viaggia per questioni di business.

La valigia ideale è quindi un trolley, una valigia da poter portare anche in cabina quando si viaggia in aereo. È ovvio che – indipendentemente dalla destinazione – il kit di primo soccorso, quello della cura personale (spazzolino, dentifricio, sapone, profumo) e la biancheria intima non devono mancare e calcolando il tempo di assenza basta mettere in valigia almeno tre o quattro cambi da poter eventualmente lavare e che si asciugano in fretta come i tessuti leggeri in polipropilene (che assorbe anche il sudore). Dai B&B agli hotel di lusso, gli alberghi di Roma mettono a disposizione asciugamani, saponi, shampoo, phon: tutte cose che ci si può risparmiare la fatica di portare (almeno ché non si soffra di particolari allergie per cui non si possa fare a meno del proprio asciugamano o del proprio sapone).

Importante è la scelta delle scarpe: Il centro di Roma è lastricato di San Pietrini, a loro volta un’attrazione, per cui è bene mettere in valigia delle scarpe comode e di riservare tacchi e scarpe impegnative solo per particolari serate in programma senza precludersi un elegante serata a Trastevere o a Piazza di Spagna (tra l’altro raggiungibili senza camminare troppo sia con i mezzi che con i taxi).

Roma, città d’arte, è tutta da fotografare: indispensabili quindi macchine fotografiche (preferibilmente compatte) o videocamere, ma dal momento che gli smartphone ormai fanno di tutto e la qualità delle immagini non è scadente è bene ridurre gli oggetti di valore e portarsi dietro un unico dispositivo in grado di fare tutto: foto, video, registrazioni, telefonate e video chiamate, connessione a internet per condividere in tempo reale ogni momento.

Roma gode di un clima mite, ma è anche famosa per i suoi improvvisi temporali estivi, quindi un ombrello o un impermeabile ripiegabile è sempre una cosa buona da avere in valigia e da mettere nella borsa, zaino o marsupio per non lasciarsi cogliere impreparati.

I monumenti di Roma sono ricchi di dettagli e spesso non si riescono a cogliere dalla distanza con cui è permesso avvicinarsi, per cui un’idea affatto peregrina è quella di mettere in valigia un binocolo, per osservare meglio i fregi della colonna di Traiano, la volta di Cappella Sistina, godere meglio del panorama dal Gianicolo.

Ma la cosa più importante da portare sempre con sé ovunque si vada è la curiosità e la voglia di scoprire sempre cose nuove. Buon viaggio!